Stress e progesterone

I tempi moderni, e il COVID, o meglio, la quarantena, incidono notevolmente sulla salute del ciclo, andando a disturbare il progesterone.

Ne parlo in questo nuovo video di Youtube in attesa di parlarne meglio su Bossy (wow!).

E voi, avete avuto cicli strampalati in queste settimane di quarantena? Io personalmente sì.

Ciclo strampalato in tempi di pandemia

Il mese scorso ho avuto una fase lutea troppo breve (si chiama “difetto di fase lutea” e significa che la ghiandola che produce il progesterone è morta troppo presto), perciò le mestruazioni sono arrivate con qualche giorno di anticipo, accompagnate da sudorazioni notturne.

Questo mese è andata meglio, anche perché sono corsa ai ripari, prendendomi maggiormente cura di me. Tuttavia, anche questa fase lutea mi ha visto protagonista di notti bagnate….ma sempre per via delle sudorazioni notturne.

Perché lo stress impatta sul progesterone

Lo stress produce cortisolo, e il cortisolo sottrae la materia prima con cui produciamo il progesterone. Non solo! Blocca anche i recettori delle cellule, così che il progesterone non possa entrare. Cortisolo e progesterone hanno infatti due compiti estremamente diversi: il primo ci mette all’erta, il secondo ci rilassa. Sì, hai capito bene, il progesterone è un rilassante.

Il cortisolo è l’ormone della sopravvivenza, e ha la precedenza su tutto. Se ne produciamo in eccesso, “farà fuori” il nostro progesterone.

Panta Rei

La mia ricetta è fatta di tanti trucchetti. Alcuni li svelo in questo video. Ma c’è tanto altro che si può fare. Tra cui, prenderla con filosofia. Panta Rei. Tutto scorre. Passerà anche questa. Non posso e non voglio pretendere di avere il totale controllo. Esercito l’avere fiducia, ma allo stesso tempo faccio tutto quello che è in mio potere. E quando il potere scarseggia? Chiedo aiuto e cerco di perdonarmi. Anche in questo a volte fallisco. Non sei sola 🙂