Berlino, sabato 21 marzo, ore 23:05

Ho la testa bollente. Non è febbre, sono i pensieri di una testa calda a fine giornata. Per la prima volta da quando viviamo qui, il grande giardino era teso e silente.

PENSIERI DI UNA TESTA CALDA

  • Perché non l’anno scolastico sulla RAI? Io da profana tifo per Lucangeli, i tipi di Art Attack, Gabanelli e Alex Zanardi.
  • Di questi tempi in Italia ci sono più di 7500 morti al mese a causa dell’inquinamento (solo contando quello dell’aria). Brescia, Lodi, Bergamo, Venezia e Milano tra le più inquinate. (1) L’inquinamento atmosferico “forma delle autostrade per il contagio” del Coronavirus. (2)
  • L’inquinamento atmosferico non viene registrato come la causa di morte così se ne ha meno percezione possibile, un po’ come fa la Germania con il Coronavirus. Come insegna AlbertoTomba: “fa notisssia, non fa notisssia” e prima di lui un altro Albert, con cinque segni che racchiudono l’universo. Per farla breve, devono fermare le fabbriche, non chi fa yoga o una camminata nel parco. È dimostrato che l’attività fisica regolare aiuta a prevenire e curare le malattie come le malattie cardiache, ipertensione, l’ictus, il diabete (cioè le malattie che diventano più mortali se si contrae il virus). (3)
  • Non puoi giocare al lotto con gli aiuti da distribuire alla popolazione. Ma d’altronde,  lo Stato investe sul gioco d’azzardo in maniera dilagante.  Non va bene, porta guai, tra i tanti: fiumi di cocaina, nel senso letterale della parola. Già nel 2005 l’Istituto Negri poteva calcolare, analizzando le acque del Po all’ altezza di Pavia, che nel territorio si consumavano 40,000 dosi al giorno. Nel 2019 hanno trovato cocaina nel cervello e nei tessuti delle anguille. (4)

 

RIFERIMENTI

  1. OMS; Legambiente – I dati sono del 2019.
  2. “L’effetto è più evidente in quelle province dove ci sono stati i primi focolai”, afferma Leonardo Setti dell’Università di Bologna. Come conferma Gianluigi de Gennaro, dell’Università di Bari: “Le polveri stanno veicolando il virus. Fanno da carrier. Più ce ne sono, più si creano autostrade per i contagi”. Il Fatto
  3. OMS – un piano 2018-2030 naturalmente firmato anche da noi in Italia.
  4. La Repubblica; Ansa