Secondo uno studio pubblicato su The Lancet, la nascite con parto cesareo in Irlanda sono quasi quintuplicate rispetto agli anni Ottanta. L’aumento non è dovuto a complicazioni mediche, ma al libero arbitrio delle donne che ritengono che un parto cesareo programmato sia una opzione migliore rispetto al parto naturale.

Secondo Muiris Houston, tutte le donne dovrebbero avere la possibilità di scegliere tra il parto naturale e il parto cesareo, indipendentemente dalle esigenze mediche (Parto cesareo: troppo nobile per spingere o troppo povera per scegliere? The Irish Times 30.10.18). Si tratta di una questione di uguaglianza e di scelta.

Eppure, le sezioni cesaree inutili privano inutilmente il bambino di una delle dotazioni più importanti che la madre può dare: una doccia di germi. Quando un bambino nasce attraverso la vagina, il suo corpo viene ricoperto di germi vaginali, che, da soli, possono proteggere il bambino da diabete, obesità, problemi di salute mentale e molte altre malattie. Le donne che hanno la fortuna di avere la possibilità di un parto naturale dovrebbero essere informate molto chiaramente dai loro medici, ma non lo sono. La scelta non porta libertà quando non è informata. Pensate alla scelta sconcertante che abbiamo nei nostri supermercati: l’esplosione del consumismo va di pari passo con la distruzione dell’ambiente.

La scelta non ci rende necessariamente liberi o più liberi, quando è scarsamente informata.

Le sezioni cesaree rallentano la ripresa, ma nelle società moderne le donne e le coppie sono lasciate sole a sopportare il peso di un neonato. Anche i rischi legati a interventi chirurgici non necessari non sono trascurabili, così come i costi. Prima di pensare che sia troppo cinico parlare di soldi, considerate questo: l’assicurazione sanitaria raddoppierà nel prossimo decennio (Irish Independent 21.06.2017), un terzo degli adulti usa l’astinenza come metodo contraccettivo perché l’educazione sessuale è inesistente o molto scarsa e di parte (Irish Times, 17.08.2017) e il burn out è a livelli epidemici (Irish Times, 18.07.2017). Spendiamo il denaro dove è più necessario, nella prevenzione e nell’educazione.

A mio avviso, l’uguaglianza e la scelta non dovrebbero essere misurate nei termini incorniciati da Muiris Houston. Per capire e apprezzare il contesto in cui si è verificato questo aumento delle sezioni cesaree, consideriamo i seguenti dati.

In un Paese dove il 93% delle donne si sente vulnerabile a causa del proprio genere, il 60% non si sente sicuro nel prendere l’autobus e oltre il 30% ha subito molestie sessuali in pubblico, è difficile per una donna fidarsi del proprio corpo (dati di Plan International Ireland, pubblicati su The Irish Independent 11.10.2018).

Se il nostro corpo femminile ci mette regolarmente in pericolo, difficilmente può essere rispettato e affidabile. Inoltre, la Chiesa cattolica ha scavato una profonda ferita nella nostra anima, e questo si riflette nel modo in cui vediamo e sperimentiamo i nostri corpi femminili: non ci si può fidare di loro.

Il rapporto globale sull’uguaglianza di genere e la classifica dell’impresa sociale olandese Equileap ha dimostrato che l’Irlanda “è stata l’unica a non avere aziende che hanno ottenuto risultati sufficienti per essere incluse nel campione di dati completo nel 2018”. Traduzione: nessuna azienda tra le prime 200 aziende irlandesi ha donne che ricoprono ruoli dirigenziali e di consiglio di amministrazione (The Irish times 04.10.2018).

Oltre il 50% delle negligenze mediche si verifica nell’assistenza alla maternità, nonostante i servizi di maternità rappresentino solo il 3% del budget dell’esecutivo del servizio sanitario.

Per brevità non andrò avanti, ma basti pensare allo scandalo papsmear e a quanto chiaramente ha rivelato una rivoltante misoginia contro le donne, perpetrata da uomini e donne medici.

Alle donne viene insegnato fin da piccole che la nascita è un momento terribile, orribile; non ci si può fidare del corpo; il dolore è sempre brutto e deve essere evitato a tutti i costi. Questo è il contesto in cui i parti cesarei sono in aumento. Ci spaventano da ogni angolo: sull’autobus, in sala riunioni, in ospedale, a scuola.

Dobbiamo assecondare queste tendenze, o iniziare una profonda rivoluzione per restituire dignità, sostegno, fiducia e forza alle donne in gravidanza? La nascita è un viaggio intenso. È simile alla morte e alla rinascita, ma il nostro corpo è all’altezza! È stato progettato per farlo, lui sa come farlo.

Le doula sono essenziali per garantire il sostegno emotivo di cui le donne che partoriscono hanno bisogno, e dovrebbero essere accessibili a tutti. La presenza di una doula può ridurre del 60% la necessità di un parto cesareo per motivi medici e dell’80% la richiesta di un parto cesareo per motivi non medici.

Gli esperti di respirazione e gli esperti di parto naturale possono fornire alle donne e alle coppie le tecniche giuste per imparare ad usare il respiro e il dolore per navigare il viaggio senza panico e terrore, ma con amore consapevole e partecipazione.

Con la giusta educazione, il giusto sostegno e le giuste tecniche, il parto naturale può tornare a essere quello che è stato per millenni: una fonte di forza e di sano orgoglio, un dono.

Foto di Alex Hockett su Unsplash